Università degli Studi di Udine OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato
 

OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato >
Udine Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10990/269

Autori: Capodicasa, Valentina
Supervisore afferente all'Università: MARCHESONI, DIEGO
Centro di ricerca: DIPARTIMENTO SCIENZE MEDICHE E BIOLOGICHE - DSMB
Titolo: Carcinoma sieroso ovarico: correlazione tra andamento clinico, prognosi, espressione di p53, MDM2, p21, APE/Ref1 e NPM1 e possibili implicazioni terapeutiche
Abstract: Il tumore ovarico è la sesta neoplasia più frequente nelle donne in Nord America e in Europa. Il carcinoma ovarico rappresenta il 60% dei tumori ovarici e il 90% di tutte le neoplasie ovariche maligne. Le donne affette da carcinoma ovarico hanno a tutt’oggi una prognosi negativa. Nel 75% dei casi il carcinoma ovarico è diagnosticato quando ormai si è già diffuso oltre la pelvi. I fattori prognostici noti sono l’età delle pazienti, la malattia minima residua dopo l’intervento chirurgico, il grado, lo stadio e l’istotipo del tumore. Tali parametri clinicopatologici risultano però insufficienti e si rende necessario lo studio approfondito dei biomarcatori che caratterizzano questa neoplasia, al fine di identificare nuovi bersagli per terapie mirate. In considerazione dell’assenza di un pannello di marcatori utili per il patologo, lo scopo del lavoro in analisi è stato quello di testare numerosi biomarcatori, nell’intento di stabilire una correlazione statisticamente significativa tra la loro espressione e l’andamento clinico della malattia. L’eterogeneo insieme di proteine esaminate comprende i prodotti di oncogeni e di oncosoppressori, proteine coinvolte nell’apoptosi, nella regolazione del ciclo cellulare, nella proliferazione, nel differenziamento, nell’adesione cellulare, nella degradazione della matrice extracellulare, attivatori e repressori trascrizionali, chaperones molecolari ed enzimi che catalizzano specifiche reazioni; una volta ottenuti i dati preliminari, l’attenzione è stata concentrata sull’espressione di APE1 e NPM1, per le quali non vi sono ancora molti dati in Letteratura sul carcinoma ovarico.
Parole chiave: Carcinoma ovarico
Parole chiave: Ovarian carcinoma
MIUR : Settore MED/40 - Ginecologia E Ostetricia
Lingua: ita
Data: 5-giu-2013
Corso di dottorato: Dottorato di ricerca in Scienze e tecnologie cliniche
Ciclo di dottorato: 25
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi di Udine
Luogo di discussione: Udine
Altre informazioni: Co-supervisori: Laura Mariuzzi, Stefania Marzinotto - Struttura di co-aggregazione: Istituto di Anatomia Patologica dell'Università degli studi di Udine
Citazione: Capodicasa, V. Carcinoma sieroso ovarico: correlazione tra andamento clinico, prognosi, espressione di p53, MDM2, p21, APE/Ref1 e NPM1 e possibili implicazioni terapeutiche. (Doctoral Thesis, Università degli Studi di Udine, 2013).
In01 - Tesi di dottorato

Full text:

File DimensioniFormatoConsultabilità
Frontespizio Capodicasa.pdf57,79 kBAdobe PDFVisualizza/apri
Indice Capodicasa.pdf56,69 kBAdobe PDFVisualizza/apri
Tesi Capodicasa.pdf1,57 MBAdobe PDFVisualizza/apri

Questo documento è distribuito in accordo con Licenza Creative Commons
Creative Commons


Tutti i documenti archiviati in DSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace SoftwareFeedback CINECA