Università degli Studi di Udine OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato
 

OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato >
Udine Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10990/541

Autori: Colagrande, Maria
Supervisore non afferente all'Università: BOCCHESE, DONATELLA
Centro di ricerca: DIPARTIMENTO SCIENZE GIURIDICHE - DISG
Titolo: LA RISARCIBILITÀ DEL DANNO ALLA PERSONA NEL TRASPORTO AEREO
Abstract: Lo studio intende dimostrare che dalla Convenzione di Varsavia del 1929 alla Convenzione di Montreal del 1999 la disciplina dei voli internazionali ha subito un’evoluzione costante in materia di responsabilità del vettore per le lesioni derivanti alla persona del passeggero e ai suoi congiunti in caso di incidente. L’analisi della giurisprudenza, soprattutto di common law ha permesso di individuare un progressivo ampliamento dell’area della risarcibilità dai danni derivanti da lesioni corporali a quelli conseguenti a lesioni psichiche o mentali e infine al danno da perdita della vita che la dottrina ha approfondito attraverso la creazione di modelli teorici particolarmente dibattuti: danni punitivi e danni compensativi, danno evento, danno conseguenza, danno morale, danno biologico, danno esistenziale, danno catastrofale, danno morale terminale. Si è indagata la possibilità di ricostruire dall’interno della Convenzione di Montreal un principio di responsabilità dal quale dedurre la risarcibilità del danno non patrimoniale per lesioni di beni diversi dalla integrità fisica delle cose e della persona del passeggero e lo si è individuato nella dichiarazione di interesse del passeggero alla tempestiva consegna del bagaglio che permette di ottenere il ristoro del danno non patrimoniale conseguente al ritardo o mancata consegna. Attraverso le fonti di diritto internazionale in materia di tutela dei diritti umani si è cercato poi di tracciare un percorso interpretativo secondo il quale le norme di diritto internazionale generale in materia di diritti umani conformano anche il diritto internazionale privato e vincolano gli Stati a renderne effettiva la tutela anche nei rapporti da esso disciplinati ammettendo la risarcibilità delle lesioni a beni non patrimoniali quali i rapporti familiari, la vita, il benessere psichico. I più recenti arresti della giurisprudenza internazionale e nazionale di common law e di civil law confermano la tendenza a riconoscere alla persona umana un valore complesso e polisenso e ad ampliarne di conseguenza l’ambito di tutela facendo ricorso a tutti gli strumenti interpretativi che il diritto interno e il diritto internazionale conoscono e talora condividono.
Parole chiave: Trasporto aereo; Danno persona; Lesione corporale non patrimoniale; Convenzione di Montreal; Convenzione di Varsavia; Lesioni psichiche; Lesioni mentali
Parole chiave: Damage; Bodily Injury
MIUR : Settore IUS/06 - Diritto Della Navigazione
Lingua: ita
Data: 26-mag-2014
Corso di dottorato: Dottorato di ricerca in Diritto ed economia dei sistemi produttivi, dei trasporti e della logistica
Ciclo di dottorato: 25
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi di Udine
Luogo di discussione: Udine
Citazione: Colagrande, M. LA RISARCIBILITÀ DEL DANNO ALLA PERSONA NEL TRASPORTO AEREO. (Doctoral Thesis, Università degli Studi di Udine, 2014).
In01 - Tesi di dottorato

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
Colagrande Maria - Tesi Dottorato.pdfTesi di Dottorato1,32 MBAdobe PDFVisualizza/apri


Tutti i documenti archiviati in DSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace SoftwareFeedback CINECA