Università degli Studi di Udine OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato
 

OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato >
Udine Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10990/609

Autori: Cefarin, Marco
Supervisore non afferente all'Università: MICHELI, DIEGO
Centro di ricerca: DIPARTIMENTO INGEGNERIA ELETTRICA GESTIONALE MECCANICA - DIEG
Titolo: Design of NH3-H2O absorption chiller for low grade waste heat recovery
Abstract: La refrigerazione ad assorbimento è una tecnologia ben nota e studiata da lungo tempo. Il ciclo di refrigerazione ad assorbimento, a differenza del ciclo a compressione del vapore che usa l’elettricità, permette di utilizzare come fonte primaria di energia il calore come motore per il processo di raffreddamento. Esistono diverse tecnologie che possono essere impiegate per la costruzione di un frigo ad assorbimento, ma quelle basate su miscele di ammoniaca-acqua e acqua-bromuro di litio sono le più comuni e disponibili sul mercato. La richiesta di calore del ciclo ad assorbimento è una caratteristica che può rendere questo sistema molto efficiente se applicato a processi industriali laddove il calore di scarto è disponibile. L’obiettivo di questo progetto di ricerca è studiare la tecnologia basata sulla coppia NH3 – H2O e la sua compatibilità per applicazioni di recupero di calore. Questo progetto è inoltre incentrato sullo sviluppo di un metodo analitico di valutazione di fattibilità per stimare l’impiego della tecnologia ad assorbimento a NH3 – H2O in differenti processi industriali, in particolare considerando applicazioni di raffreddamento con temperature inferiori allo 0°C. Questo metodo è basato su un modello numerico del sistema che analizza l’influenza delle temperature nel ciclo sulla complessiva prestazione del sistema. Come fonte di calore è stato considerato un flusso di acqua calda di 90-120°C. L’analisi mostra che quando si ha una configurazione con uno scambiatore di condensazione parziale il coefficiente di prestazione (COP) è pari a 0.471. Inoltre, con questo metodo si vuole ridurre la temperatura di generazione richiesta per azionare il frigo a temperature di evaporazione fisse. Lo studio parametrico fatto a temperature di condensazione ed evaporazione costanti, mostra un marcato gradiente nel calo del COP per bassi valori di temperature di generazione. La temperatura di generazione minima ottimale è il risultato dell’equilibrio di diversi parametri che comprendono le dimensione degli scambiatori di calore e la portata della soluzione. Come ulteriore criterio di progettazione sono state considerate concentrazioni diverse di ammoniaca (tra le soluzioni ricca e povera) per stimare la fattibilità di applicazione nal caso di recupero del calore. Questo parametro influenza direttamente la progettazione del sistema in termini di dimensioni degli scambiatori di calore, della potenza della pompa installata e della prestazione del ciclo. Il punto di funzionamento è stato ottenuto considerando anche la robustezza locale per ridurre l’instabilità del sistema nel caso in cui siano presenti fluttuazioni dei parametri funzionali. Grafici per un iniziale dimensionamento del nuovo frigo sono stati sviluppati. Inoltre, un frigo ad assorbimento ammoniaca-acqua della potenza di 75kW azionato tramite calore di scarto è stato progettato e testato. Il prototipo è attivato con una soluzione di acqua e glicole ad una temperatura di circa 105°C, l’evaporazione è fissata a -3.5°C per raffreddare la soluzione acqua e glicole a 0.5°C e la temperatura di condensazione è fissata a 35°C per il periodo lavorativo estivo. Il prototipo è stato costruito per testare diverse soluzioni tecniche. Considerando che la pompa è una componente critica nei frighi ad assorbimento, per ridurre i costi e la complessità del sistema è stata installata e successivamente testata una pompa centrifuga per acqua invece di pompe a membrana che sono più complesse e costose. Scambiatori di calore a piastre sono stati utilizzati per ottenere un design compatto del sistema, invece di scambiatori di calore a fascio tubiero, che sono comunemente usati nel settore della refrigerazione industriale. I risultati riportati dal test dell’apparato confermano che il processo di progettazione e tutti le ipotesi di lavoro sono corretti. Il valore di COP ottenuto durante il test è pari a 0.421 che è in linea con i valori teorici previsti. Tutte le difficoltà riscontrare durante il processo di progettazione si possono trovare nella sezione delle conclusioni, dove sono anche enunciati suggerimenti su caratteristiche che possono essere implementate per incrementare la progettazione complessiva del frigo e le sue prestazioni.
Abstract (in inglese): Absorption refrigeration technology is a well known subject that has been studied for a long time. The Absorption Refrigeration Cycle uses as primary energy source the heat which drives the cooling process, instead of electricity as in vapor compression cycle. Despite different technologies can be used to design an absorption chiller, the most common available on market are based on ammonia-water (NH3 – H2O) and water - lithium bromide (NH3 - LiBr) mixtures. The absorption cycle heat requirement is a characteristic that increase overall efficiency of the system when applied to industrial processes where wasted heat is available. The aim of this project is to investigate the NH3 – H2O technology and suitability for heat recovery applications. Moreover, this project is focused on the development of an analytical feasibility study method to evaluate the application of this technology to industrial processes, with a particular focus on below 0 \degree C cooling applications. This method is based on a numerical model of the system that analyses the cycle temperature influence on the overall cycle performance. The heat source is a flow of hot water (90°C – 120°C ). The analysis shows that a Coefficient Of Performance (COP) of 0.521 has been obtained for a configuration with a pre-condenser heat exchanger rectifier. This method is focused on reducing the desorber temperature required to operate the chiller for a fixed evaporation temperature. The parametric study at constant condensation and evaporation temperature shows high gradient COP drop for low values of generation temperatures. The optimal minimum generator temperature is a result of balance of many parameters, such as heat exchangers dimensions and solution flow. Differential ammonia concentration (between weak and strong solution) is also considered as a further design criteria to evaluate heat recovery application feasibility. This parameter affects directly the system operative design in terms of heat exchanger dimensions, installed pump size and the cycle performance. The operating design is obtained considering also local robustness, to reduce system instability if fluctuation of functional parameters occurs. Charts for easy first sizing of a new chiller has been developed. Furthermore, a 75 kW ammonia-water absorption chiller operated by waste heat has been designed and tested. The prototype is operated with a glycol-water solution at approximately 105°C, evaporation is fixed to -3.5°C to cool glycol-water solution down to 0.5°C and condensation temperature for summer working period is assumed as 35°C. The prototype has been built to test different technical solutions. The pump is a critical component in absorption chillers. In order to reduce cost and complexity of the system a centrifugal water pump is installed and tested, instead of more complex and costly membrane pumps. Moreover, Plate Heat Exchangers are used to obtain a compact system design, instead of Tube Heat exchangers , commonly used in the industrial refrigeration sector. The results obtained from the apparatus test confirm that the design process and all the assumptions are correct. The COP value obtained during the tests is 0.413, in line with the expected theoretical figures. All the problems encountered during the design process are reported in the Conclusions section. This section includes also some suggestions on features that can be implemented to enhance the overall chiller design and performances.
Parole chiave: Refrigerazione ad assorbimento; Acqua-ammoniaca; Calore di recupero; Modello numerico; Test sperimentali
Parole chiave: Absorption refrigeration; Aammonia-water; Waste heat recovery; Numerical model; Experimental test
MIUR : Settore ING-IND/08 - Macchine A Fluido
Lingua: eng
Data: 14-mag-2015
Corso di dottorato: Dottorato di ricerca in Tecnologie chimiche ed energetiche
Ciclo di dottorato: 26
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi di Udine
Luogo di discussione: Udine
Altre informazioni: Co-supervisore: Mauro Reini
Citazione: Cefarin, M. Design of NH3-H2O absorption chiller for low grade waste heat recovery. (Doctoral Thesis, Università degli Studi di Udine, 2015).
In01 - Tesi di dottorato

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
TESI PhD- CEFARIN.pdfTesi Dottorato13,57 MBAdobe PDFVisualizza/apri


Tutti i documenti archiviati in DSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace SoftwareFeedback CINECA