Università degli Studi di Udine OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato
 

OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato >
Udine Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10990/723

Autori: Tommasi, Marco
Supervisore afferente all'Università: FORESTI, GIAN LUCA
Centro di ricerca: DIPARTIMENTO SCIENZE UMANE - DISU
Titolo: L'autoproduzione di "libri di testo" collaborativi digitali: tecnologie, comunità di pratica e leadership
Abstract: Nel primo capitolo vengono descritte e contestualizzate le iniziali domande di ricerca relative alla produzione di libri di testo digitali collaborativi; viene descritto l’ambiente in cui nascono tali domande e il possibile scenario di sviluppo. Il percorso di ricerca prospettato viene quindi immerso in un cammino molto più ampio, non solo personale; vengono evidenziate la necessità e le potenzialità di un lavoro di ricerca-azione condotto a livello regionale e che veda il sistema scolastico non come mondo autoreferenziale, ma come aggregatore di tutti gli stakeholder del territorio. Il secondo capitolo analizza la forma che il libro di testo potrà assumere nei prossimi decenni, allontanandosi gradualmente dal manuale cartaceo per approdare a supporti didattici sempre più fluidi, interattivi e capaci di innescare negli studenti veri momenti di produzione di competenze. Vengono esaminate alcune sperimentazioni in atto sia in Italia che nel resto del mondo; dai vari successi e fallimenti, dalle similitudine con la nostra situazione alle notevoli differenze, si cerca di capire quale possa essere la migliore forma da dare al libro digitale. Una lunga trattazione è riservata alla legislazione italiana sul tema che in questi anni ha conosciuto una frenetica attività: dalla totale assenza alle prime indicazioni del 2008, dall’innovazione della legge 104/13 alle attese per le Linee Guida sull’autoproduzione dei materiali didattici digitali. Il capitolo si conclude con la proposta di un modello di libro digitale denominato “collaborative book” (c-book) che si basa proprio su di una costruzione collaborativa dei materiali associata ad un sistema di validazione sociale. La sostenibilità dell’innovazione didattica è al centro del terzo capitolo: una sperimentazione risulta infatti essere di poco valore se non può essere esportata in altri situazione e se non sia ipotizzabile il suo successo o fallimento in base alle condizioni di contorno. In una prima parte vengono elencate le dimensioni della sostenibilità e per ciascuna i possibili indicatori; si passa dalla sostenibilità tecnologica a quella organizzativa, proseguendo con la non meno importante sostenibilità economica e chiudendo con l’aspetto più importante, la sostenibilità didattico-pedagogica. Viene quindi descritto il processo di produzione pensato per il collaborative book anche in funzione dell’attuale situazione scolastica italiana; consapevole delle due contrapposte necessità di fornire un insieme di competenze comuni agli studenti e di curare l’individualizzazione dei personali percorsi di apprendimento, si propone un sistema continuo circolare di produzione, uso e verifica dei materiali digitali didattici. Nel quarto ed ultimo capitolo viene illustrata quella che è risultata la premessa per poter anche solo immaginare l’adozione di supporti didattici digitali all’interno delle nostre classi: la comunità di pratica dei docenti. Viene descritto come solo una comunità dotata della sufficiente massa critica sia in grado di affrontare le sfide che l’innovazione delle pratiche scolastiche impongono: dalla necessità di variegate e complesse competenze alla possibilità di stringere rapporti con enti esterni alla scuola, dal superamento dell’insegnante innovatore isolato alla strutturazione stabile delle proposte. Viene infine toccato un argomento molto importante e che sarà sicuramento uno degli oggetti di studio più approfonditi nei prossimi anni: la leadership all’interno di una ambiente complesso come quello della scuola dell’autonomia. Una parte dedicata alle conclusioni chiude infine la tesi: vengono riassunti i temi trattati, la strada seguita e i primi, deboli risultati ottenuti; viene soprattutto indicata il percorso di ricerca successivo con le possibili sfide che ci attendono.
Parole chiave: Libri digitali; Open Educational Resources / OER; Autoproduzione; Comunità di pratica
MIUR : Settore M-PED/04 - Pedagogia Sperimentale
Settore INF/01 - Informatica
Lingua: ita
Data: 22-apr-2016
Corso di dottorato: Dottorato di ricerca in Comunicazione multimediale
Ciclo di dottorato: 28
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi di Udine
Luogo di discussione: Udine
Citazione: Tommasi, M. L'autoproduzione di "libri di testo" collaborativi digitali: tecnologie, comunità di pratica e leadership. (Doctoral Thesis, Università degli Studi di Udine, 2016).
In01 - Tesi di dottorato

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
Tesi Dottorato Tommasi.pdfTesi Dottorato1,08 MBAdobe PDFVisualizza/apri


Tutti i documenti archiviati in DSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace SoftwareFeedback CINECA