Università degli Studi di Udine OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato
 

OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato >
Udine Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10990/760

Autori: Guglielmucci, Giovanna
Supervisore afferente all'Università: NUSSI, MARIO
Centro di ricerca: DIPARTIMENTO SCIENZE GIURIDICHE - DISG
Titolo: Vendita di pacchetti turistici e imposta sul valore aggiunto
Abstract: Le agenzie di viaggio e turismo che organizzano pacchetti turistici, sono soggette, per tale tipo di operazioni, ad un particolare regime di applicazione dell'Iva dettato dall'art. 74-ter del D.P.R. n. 633/1972: il c.d. regime del “margine commerciale”. Secondo tale metodologia applicativa, la determinazione del tributo non avviene in base al classico schema della detrazione di “imposta da imposta” ma mediante il procedimento di detrazione “base da base”: in estrema sintesi, l'Iva è applicata sulla differenza tra il corrispettivo dovuto all'operatore turistico e i costi sostenuti dal medesimo per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, effettuate da terzi soggetti, al lordo della relativa imposta. Il regime in questione è stato introdotto dal legislatore comunitario, il quale, con un intento agevolativo nei confronti degli operatori turistici, volto ad evitare che si vedano applicati obblighi e formalità fiscali in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea in cui vengono forniti i servizi, ha previsto, prima all'art. 26 della Dir. n. 77/388/CEE del Consiglio del 17 maggio 1977 (c.d. VI Direttiva CEE), e poi all’art. 306 della Dir. n. 2006/112/CE, che i paesi membri dell’UE debbano applicare il regime Iva speciale alle prestazioni effettuate dagli operatori turistici che, per l’esecuzione del viaggio, agiscano in nome proprio nei confronti di un viaggiatore e utilizzino cessioni di beni e prestazioni di servizi di altri soggetti passivi. La Direttiva n. 2006/112/CE, così come la VI Direttiva, non forniscono una definizione precisa della nozione di viaggio. Occorre pertanto mutuare la definizione generalmente ammessa nella Comunità, facendo riferimento al contenuto della Direttiva del Consiglio 13 giugno 1990, n. 90/314/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti tutto compreso, recepita in Italia dal D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 111, dal quale trae origine la nozione di pacchetto turistico oggi riportata all’art. 34 del Codice del Turismo. All’atto del recepimento della direttiva comunitaria sull’Iva, sul punto, la normativa italiana è stata molto precisa. L’art. 74-ter, infatti, circoscrive l’applicazione del regime speciale all’organizzazione di pacchetti turistici costituiti, ai sensi dell'articolo 2 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 111, da viaggi, vacanze, circuiti tutto compreso e connessi servizi, verso il pagamento di un corrispettivo globale. Il presente lavoro è volto ad approfondire l’ambito di applicazione soggettivo e oggettivo del regime in esame, effettuando, innanzitutto, un’analisi della nozione di contratto di viaggio organizzato, alla luce della sua evoluzione normativa, con un’attenzione particolare all’interpretazione data dalla giurisprudenza comunitaria, in modo da effettuare un confronto tra la nozione dettata dalla disciplina di tutela del turista consumatore e quella rientrante nel peculiare regime fiscale, al fine di delinearne con precisione il perimetro. La trattazione prosegue soffermandosi sul concetto di agenzia di viaggio e turismo. Senza pretesa di esaustività, viene delineato un quadro della definizione normativa di tali operatori economici e della sua evoluzione nel tempo, con una breve panoramica sui principi dettati a tutela del turista dal Codice del Turismo, senza entrare nel merito della disciplina di dettaglio prevista dalla normativa regionale. Infine, all’ultimo capitolo, viene esaminato il peculiare regime Iva di cui all’art. 74-ter, analizzando i principi espressi in materia dalla giurisprudenza comunitaria nonché, operativamente, il sistema di determinazione della base imponibile e dell’imposta e i connessi adempimenti contabili.
MIUR : Settore IUS/12 - Diritto Tributario
Settore IUS/06 - Diritto Della Navigazione
Lingua: ita
Data: 27-mag-2016
Corso di dottorato: Dottorato di Diritto ed economia dei sistemi produttivi, dei trasporti, della logistica e del welfare
Ciclo di dottorato: 28
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi di Udine
Luogo di discussione: Udine
Citazione: Guglielmucci, G. Vendita di pacchetti turistici e imposta sul valore aggiunto. (Doctoral Thesis, Università degli Studi di Udine, 2016).
In01 - Tesi di dottorato

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI E IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO PDF A.pdfTesi di dottorato1,75 MBAdobe PDFVisualizza/apri


Tutti i documenti archiviati in DSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace SoftwareFeedback CINECA