Università degli Studi di Udine OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato
 

OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato >
Udine Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10990/846

Autori: Zago, Francesca
Supervisore afferente all'Università: PERUSINI, GIUSEPPINA
Supervisore non afferente all'Università: PACE, VALENTINO
Centro di ricerca: DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI E DEL PATRIMONIO CULTURALE - DIUM
Titolo: La Rus' e l'Occidente. Cultura figurativa medievale tra XI e XII secolo. Il Codex Gertrudianus tra testo e immagine
Abstract: Lo studio del Codex Gertrudianus, conservato nel codice 136 del fondo del Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli (ms. CXXXVI) e meglio noto con il nome di Psalterium Egberti (fine X sec.), nasce dalla volontà di approfondire le nostre conoscenze circa il problematico rapporto tra le arti praticate nella Rus’ premongolica e le tradizioni figurative di Bisanzio e dell’Europa occidentale tra l’XI e il XII secolo. Alla parte originale del Salterio vennero aggiunti, nel corso dell’XI secolo, i cosiddetti Folia Gertrudiana commissionati dalla principessa polacca Gertrude Piast (1025 ca. – 1108 ca.), diretta discendente della dinastia ottoniana e consorte del principe Izjaslav di Kiev (1024 – 1078): un calendario, quattro miniature e 81 orazioni latine; una quinta miniatura troverà spazio all’interno della sezione ottoniana del codice (in origine rimasto bianco). Molti altri spazi rimasti liberi nel Salterio saranno occupati dalle orazioni. Al fine di fornire un’esaustiva analisi storico artistica dell’opera è stato indispensabile, non essendo mai stato affrontato dagli studiosi italiani, il lavoro di trascrizione interpretativa del corpus di orazioni latine redatte dalla principessa Gertrude. Una parte fondamentale del lavoro si è concentrata nel proporre una diversa datazione ed attribuzione delle cinque miniature. A questo scopo è stato necessario analizzare la loro posizione all'interno del codice, tenendo conto delle particolarità codicologiche del manoscritto, relazionando da un punto di vista contenutistico le immagini con i relativi testi delle preghiere. Si è rilevato pertanto che il contenuto delle orazioni si armonizza, in modo più o meno esplicito, con la particolarità tematica delle miniature depositarie di determinati aspetti figurativi. Incrociando i dati storici in nostro possesso, per quanto a volte lacunosi, con i risultati ottenuti dalle analisi delle orazioni e dell’apparato decorativo del codice, possiamo ipotizzare che la sua esecuzione si sia protratta, non senza interruzioni, per poco più di una ventina d’anni: tra il 1077 e l’inizio del XII secolo. In questo lasso di tempo i luoghi di progettazione e di esecuzione dell’apparato testuale e decorativo del Codex, così come le maestranze che vi operarono, mutarono più volte.
Parole chiave: Salterio di Egberto; Codex Gertrudianus; Miniature; Rus’ di Kiev; Terrasanta
MIUR : Settore L-ART/01 - Storia Dell'Arte Medievale
Settore L-ART/04 - Museologia E Critica Artistica E Del Restauro
Lingua: ita
Data: 21-apr-2017
Corso di dottorato: Dottorato di ricerca in Storia dell'arte
Ciclo di dottorato: 28
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi di Udine
Luogo di discussione: Udine
Citazione: Zago, F. La Rus' e l'Occidente. Cultura figurativa medievale tra XI e XII secolo. Il Codex Gertrudianus tra testo e immagine. (Doctoral Thesis, Università degli Studi di Udine, 2017).
In01 - Tesi di dottorato

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
TESI DOTTORATO ZAGO.pdfFull Text23,25 MBAdobe PDFconsultabile a partire dal: 21/10/2018


Tutti i documenti archiviati in DSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace SoftwareFeedback CINECA