Università degli Studi di Udine OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato
 

OpenUniud - Archivio istituzionale delle tesi di dottorato >
Udine Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10990/875

Autori: Genero, Fulvio
Supervisore afferente all'Università: FILACORDA, STEFANO
Centro di ricerca: DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGROALIMENTARI, AMBIENTALI E ANIMALI - DI4A
Titolo: Movements and home range of the Eurasian Griffon Vulture (Gyps fulvus) in the eastern Alps and Adriatic region, in relation to food availability
Abstract: Il grifone è una specie sociale che nidifica su pareti rocciose nell’Europa del sud, Africa del nord, Medio Oriente e Asia centrale, con maggior diffusione nei paesi del Mediterraneo. Come molti avvoltoi ha subito un marcato declino negli ultimi anni e si è estinto in varie aree. In Italia era distribuito in Sicilia, Sardegna e diversi settori delle Alpi e degli Appennini. Attualmente la sua presenza è legata a progetti di conservazione che hanno consentito di creare quattro popolazioni e salvare gli ultimi avvoltoi sardi. La popolazione italiana (Sardegna, Friuli, Abruzzo, Sicilia e Calabria) è di circa 170 coppie. Sulle Alpi orientali i grifoni sono tradizionalmente presenti in primavera e estate, estivando in una vasta area che include la Regione Friuli Venezia Giulia e parte delle Alpi Slovene e Austriache. Un progetto di conservazione è stato attuato nella “Riserva naturale regionale del Lago di Cornino” (Udine-Italia 46°13’N, 13°01’E) alla fine degli anni ’80 allo scopo di consolidare la presenza della specie e creare colonie nidificanti. Queste contano attualmente un minimo di 120-150 uccelli in inverno e più di 250 in estate, quando molti grifoni arrivano dalla Croazia e da altri paesi. Le coppie nidificanti sono circa 50. I grifoni seguono tradizionali percorsi di spostamento tra la Croazia e le aree di estivazione sulle Alpi e frequentano un sito di alimentazione nella Riserva naturale che fornisce una grande quantità di cibo tutto l’anno. Nelle altre aree, in Slovenia, Austria e Croazia, la disponibilità trofica è associata alla presenza del bestiame al pascolo. Risulta importante studiare l'effetto di un punto di alimentazione sui movimenti di questa specie tra siti tradizionalmente usati in diverse stagioni (Alpi e area del Quarnero), sui relativi spazi famigliari e sui tempi di permanenza. La ricerca si propone di definire le aree utilizzate dai grifoni (Home Range) nei diversi mesi e stagioni e nei diversi paesi e le modalità con cui si spostano in funzione delle strategie di ricerca trofica, in particolare rispetto alla situazione in Italia (punto di alimentazione costantemente rifornito) Croazia, (disponibilità di ovini al pascolo tutto l'anno) e Austria (disponibilità di bestiame al nel periodo estivo). Sono stati catturati e marcati con anelli e apparecchiature satellitari GPS PLUS 1C BIRD GPS-GSM tracking units (Vectronics Aerospace Gmbh-Germania) 12 grifoni, dal 2005 al 2014. Gli home range i movimenti ed i tempi di permanenza sono stati stimati sulla base di un numero di fix variabile per individuo (da 127 a 4.586). Gli home range su base mensile e rispetto alle diverse aree, Austria, Italia e Croazia, sono risultati tra loro diversi. Per il MCP: in Croazia è mediamente pari a 1142 km²+1042, in Italia 336 km²+325 ed in Austria 389 km²+255. Questi valori appaiono influenzati dalla presenza del mare in Croazia, dove i grifoni frequentano diverse isole e la costa. Gli home range (HR95: Kernell al 95%;, HR50 Kernell al 50%) depurati delle zone di mare, appaiono diversi tra Croazia (HR95=188 km² e HR50 28 km²) e Italia (HR95 215 km² e HR50 42 km²) rispetto all'Austria (HR95 49 km² e HR50 19 km²), che risulta inferiore. Le Alpi Austriache vengono visitate solo in estate (da giugno all’inizio di ottobre) mentre le presenze sono distribuite su tutto l'anno nelle aree croate e italiane. Il tempo di permanenza totale su base mensile appare maggiore in Italia (18,71 +10,68) rispetto a Croazia (14,03 +10,15) e Austria (15,08 +11,65), mentre la permanenza media (numero di giorni medi di residenza per visita) (Italia 17,25 + 11,25, Croazia 13,13 + 9,94, Austria 16,62 +11,33) e le frequenze di visite mensili non sono statisticamente diverse per le tre aree (Italia 1,29 + 0,79, Croazia 1,23 +0,69, Austria 1,00 +0,57), anche se l’Italia viene visitata più frequentemente e per periodi più lunghi. Le distanze medie percorse mensilmente nelle singole aree non appaiono tra loro significativamente diverse anche se mediamente sono più elevate in Croazia ( 482 km +328), rispetto a Italia (335 km +263) e Austria (246 km +176). Tutte le variabili studiate variano in funzione della stagione: con un numero maggiore di giorni di presenza in autunno e inverno, stagioni in cui ci sono minori movimenti e home range più piccoli, soprattutto in inverno. La presenza di un punto di alimentazione appare non ridurre significativamente le superfici esplorate dai grifoni, almeno in confronto con le altre realtà considerate. Il carnaio risulta essere uno strumento efficace dal punto di vista conservazionistico. La telemetria satellitare si dimostra uno strumento in grado di fornire dettagliate informazioni sui movimenti e l’uso dello spazio e quindi fondamentale per pianificare le strategie di conservazione per gli avvoltoi.
Abstract (in inglese): The Griffon Vulture (Gyps fulvus) is a colonial cliff-nesting raptor inhabiting Southern Europe, Northern Africa, the Middle East and Central Asia, being mainly distributed in the countries around the Mediterranean sea. Like many vultures and raptors, the species has suffered sharp declines in recent decades and has disappeared from some countries while generally decreasing in the few populations remaining. In Italy the species was distributed in Sicily, Sardinia and in different sectors of the Alps and the Apennines. Actually, in Italy the presence of this vulture is closely tied to conservation projects that have allowed the creation of four colonies as well as saving the last Italian colony in Sardinia. The Italian populations (Sardinia, Friuli, Abruzzo, Sicily and Calabria) amount to 170 breeding pairs. In the Eastern Alps griffon vultures are usually present in spring and summer, spending the warmer months of the year in a huge area covering the region Friuli Venezia Giulia and part of the Slovenian and Austrian Alps. A conservation project began in the “Riserva naturale regionale del Lago di Cornino” (Udine-Italy 46°13’N, 13° 01’E) at the end of the 1980s with the aim of consolidating the species’ presence in the Alps and creating nesting colonies. The local population actually numbers a minimum of 120-150 individual in winter and more than 250 in summer, when many birds arrive from Croatia and other countries; there are about 50 breeding pairs. The griffons vultures follow traditional flyways to move between Croatia and the most important sites in the Alps. The birds are strictly dependent upon one feeding point in the natural reserve that provides a large amount of food throughout the year and especially during the winter months. In the other areas they depend on grazing animals. The research aims to define the areas used by vultures in different months and seasons, in different countries and the ways in which they move and stay as a function of their feeding search strategies; in particular with respect to Italy (a constantly replenished feeding point supplied all year), Croatia (the natural availability of sheep throughout the year) and Austria (the natural availability of cattle that graze during the summer months). 12 griffon vultures were captured and marked with rings and GPS PLUS 1C BIRD GPS-GSM satellite tracking unit equipment (Vectronics Aerospace Gmbh-Germany), from 2005 to 2014. The home range movements and lengths of stay were estimated based on 127 to 4,586 fixes, depending on the individual. The home ranges on a monthly basis and with respect to the different areas, Austria, Italy and Croatia, differed from each other. With regard to the Minimum Convex Polygon (MCP), Croatia is, on average, equal to 1142 km²+1042, Italy 336 km²+325 and Austria, 389 km²+255. These values appear influenced by the closeness to the sea in Croatia, where the griffon vultures frequent a range of islands and the coast. The home range (HR95: kernel densituy estimation at 95%; HR50 kernell density estimation at 50%) minus the sea areas appear to differ between Croatia (HR95=188 km² e HR50 28 km²) and Italy (HR95 215 km² e HR50 42 km²) compared to Austria (HR95 49 km² e HR50 19 km²²), where it is lower. The Austrian Alps are visited only in summer (from June to early October), while the birds’ presence is distributed throughout the year in the Croatian and the Italo-Slovenian areas. The total residence time on a monthly basis is greatest in Italy (days=18.71+10.68) compared to Croatia (14.03+10.15) and Austria (15.08+11.65), while the average length of stay (average number of days of residence per visit) (17.25+11.25 Italy, Croatia 13.13+9.94, Austria 16.62+11.33) and the frequency of monthly visits are not statistically different for the three areas (Italy 1.29+0.79, Croatia 1.23+0.69, Austria 1.00+0.57), even if there is a more extended period of stay and frequency of visits to Italy. The average distance travelled each month in each area does not significantly differ from each other even though, on average, they are higher in Croatia (482 km +328), compared to Italy (335 km +263) and Austria (246 km +176). All the variables studied vary according to the season, with a greater number of days of presence in autumn and winter, seasons in which there are fewer movements and smaller home ranges, particularly in winter. The presence of a feeding point does not appear to significantly reduce the areas explored by griffon vultures, at least in comparison with the other situations under consideration, even if the residence times and the frequency of utilization appear higher. The presence of a feeding site appears to be an effective tool from the conservation point of view.
Parole chiave: Conservazione; Grifone; Home-range; Uso dello spazio; Alpi orientali
Parole chiave: Conservation; Eurasian Griffon Vulture; Satellite-tracking; Home-range; Spatial ecology; Eastern Alps
MIUR : Settore AGR/19 - Zootecnica Speciale
Lingua: eng
Data: 11-lug-2017
Corso di dottorato: Dottorato di ricerca in Scienze agro-ambientali
Ciclo di dottorato: 28
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi di Udine
Luogo di discussione: Udine
Citazione: Genero, F. Movements and home range of the Eurasian Griffon Vulture (Gyps fulvus) in the eastern Alps and Adriatic region, in relation to food availability. (Doctoral Thesis, Università degli Studi di Udine, 2017).
In01 - Tesi di dottorato

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
UNIUD TESI PhD Fulvio Genero 2017.pdfTesi Dottorato Fulvio Genero9,34 MBAdobe PDFconsultabile a partire dal: 11/1/2019

Questo documento è distribuito in accordo con Licenza Creative Commons
Creative Commons


Tutti i documenti archiviati in DSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace SoftwareFeedback CINECA